HOME PAGE

SEGUICI SU...

 

SOSTIENI e 5 PER MILLE [CLICCA QUI] TESSERAMENTO 2016 [CLICCA QUI]

NOVITA' MiC


::.NON TI COSTA NULLA!
IL TUO 5 X 1000 A MONDO in CAMMINO

Se aspiri ad un mondo nuke free e di pace
Dona il tuo 5 x 1000 ai progetti di Mondo in Cammino
NON TI COSTA NIENTE, MA CONTA TANTO! [TUTTE LE INFO]


::.OLTRE RADINKA
SALVARE LA SECONDA GENERAZIONE BIMBI DI CHERNOBYL

A ottobre 2015 abbiamo scoperto la realtà di Radinka in Ucraina e abbiamo lanciato un appello urgente a cui molti hanno aderito.  Dopo alcune missioni ci si è resi conto, però, che quella di Radinka era sola una rappresentazione delle tante realtà scolastiche presenti nelle province contaminate di Ivankov e Polesie. Dalla fine dell’anno scolastico 2014/2015 le autorità statali, impegnate a deviare le poche risorse di una nazione sul ciglio del default verso la guerra del Donbass, hanno deciso di declassificare le province di Ivankov e Polesie dalla zona quattro di esclusione di Chernobyl [SEGUE]


::.27/05/16 YURI BANDAZHEVSKY
CHERNOBYL: PROSPETTIVE PER IL FUTURO

Le ricerche del Professor Bandazhevsky sulle conseguenze del disastro nucleare sulla salute della seconda generazione di Chernobyl. Il pdf del documento tradotto in italiano [SEGUE]

::.21/04/16 DUBOVY LOG
DOVE SI MUORE LENTAMENTE DA 30 ANNI

Il reportage di "corriere.it" sul villaggio radioattivo ed abitato di Dubovy Log, in Bielorussia.
Realizzato con la collaborazione di Mondo in Cammino [SEGUE]



::.28/04/16 IN BIELORUSSIA
RADIOATTIVITA' DI CHERNOBYL NEL LATTE

Ai confini della “zona di esclusione di Chernobyl” in Bielorussia, dove la strada è disseminata da cartelli di avvertimento “Stop!Radiazioni”, un produttore di latte offre ai visitatori un bicchiere di latte appena munto.
Gli inviati di Associated Press educatamente declinano, ma sottopongono ad esami di laboratorio un campione in bottiglia che conferma contenere livelli di un isotopo radioattivo dieci volte superiori ai limiti di sicurezza alimentari imposti dallo Stato.
[SEGUE]


::.22/04/16 ASSOCIATED PRESS: IN UCRAINA
I BIMBI MANGIANO CIBO CONTAMINATO DA CHERNOBYL

ZALYSHANY (Ucraina): Viktoria Vetrova conosce quali sono i rischi per i suoi quattro figli quando bevono il latte munto dalle loro due mucche, mangiano funghi secchi ed i frutti della foresta.
Ma il governo ucraino, a corto di finanze, ha annullato il programma di finanziamento per le mense scolastiche a 350.000 bambini lo scorso anno; programma che rappresentava l’unica fonte di cibo pulito in questo villaggio vicino a Chernobyl. [SEGUE]


::.18/04/16 PER NON DIMENTICARE CHERNOBYL
IL POSTO DELLE QUERCE

Reportage dalla riserva radioattiva di Dubovy Log di Massimo Bonfatti.
Foto di Pierpaolo Mittica.
Dall’esplosione del reattore 4 della centrale nucleare di Chernobyl sono passati ormai quasi 30 anni, più di una generazione.
Un tempo sufficiente per dimenticare. Un tempo sufficiente per fare dimenticare.
La radioattività non fa più paura, ma – soprattutto - non deve fare più paura.
[LEGGI TUTTO IL REPORTAGE]


::.IN DISTRIBUZIONE
CHERNOBYL AC/DC: IL COFANETTO

Da anni i volontari di Mondo in cammino denunciano la follia nucleare recandosi direttamente sui luoghi dei vari incidenti. Gli occhi, le orecchie e la voce dei volontari sono diventati così la testimonianza di tragedie che la lobby nucleare ha cercato e cerca di nascondere o minimizzare. Uno sforzo che si è concretizzato nel progetto/proposta di Mondo in cammino:“CHERNOBYL AC/DC”. Massimo Bonfatti, Alessandro Tesei, Pierpaolo Mittica hanno indagato in prima persona i tre maggiori disastri nucleari della storia: Chernobyl, Mayak e Fukushima [PRENOTA LA TUA COPIA]


::.NOVITA' 2016
I NUOVI VINI "SOLIDALI"

Le nuove proposte di MIC
Con un impegno enologico di qualità superiore al passato
Per sostenere e brindare ad un futuro migliore: per una generazione senza mine e senza guerre e per le mense di poveri [INFO E PRENOTAZIONI]

::.21/12/15 PROGETTO RADINKA
I PRIMI RISULTATI CONCRETI!

Il 18 dicembre 2015 il professore Yuri Bandazhevsky si é recato nella scuola del villaggio di Radinka nell'ambito dell'aiuto medico per la popolazione ed il 20 dicembre ha scritto una mail al presidente di Mondo in cammino [SEGUE]



::.SOSTIENICI!
S O S RADINKA

Bisogna intervenire in fretta per la scuola di Radinka prima che inizino i mesi più freddi (dicembre e gennaio), prima che si gelino le tubature, prima che i bambini si ammalino perché frequentano aule fredde o, al massimo, riscaldate alle bell’e meglio e con sistemi di fortuna. Il villaggio di Radinka si trova nella provincia di Polesje, in Ucraina, ai confini con la zona di esclusione di Chernobyl [CLICCA QUI]


::.SETTEMBRE 2015
RICHIEDI IL LIBRO: BESLAN, NESSUN INDAGATO

Un inedito assoluto a livello internazionale, una testimonianza diretta di Ella Kesaeva, presidente dell’associazione dei parenti delle vittime “La voce di Beslan” che, su espressa richiesta del Presidente di MiC, l’autrice ha consegnata all’associazione affinchè la rendesse pubblica, oltre quei confini in cui la verità sui giorni del sequestro dell’ex scuola N.1 [SEGUE]


::.AGOSTO 2015: NUCLEARE E DIRITTI UMANI VIOLATI
FIRMA E SOSTIENI L'AZIONE DI NADEZHDA KUTEPOVA

Nadezhda Kutepova, presidente dell’associazione russa  “Planeta Nadezhd” (“Il pianeta delle speranze”), accusata di avere rivelato “segreti industriali” per via delle sue denunce sull’attività di inquinamento radioattivo del complesso russo di Mayak nella provincia di Chelyabinsk (Urali) e perseguitata dalle autorità per il suo impegno a sostegno alle vittime dei vari fallout correlati [FIRMA]



ON-WEB


PROGETTO HUMUS

Uno dei più grandi interventi di cooperazione internazionale a favore delle vittime di Chernobyl e del nucleare. Humus è un progetto sulla gestione del rischio nel campo alimentare e della radioprotezione per permettere la migliore qualità di vita possibile alle popolazioni che vivono in territorio contaminato.
www.progettohumus.it (Chernobyl and nuclear portal) che è diventato il maggiore portale italiano sulle tematiche di Chernobyl e del nucleare. [GUARDA]

PROGETTO KAVKAS

Intervento di cooperazione internazionale per l’attuazione di percorsi atti a favorire prospettive di convivenza pacifica fra le varie etnie del nord Caucaso: dall’accoglienza interetnica, a microprogetti scolastici fra i profughi, alla costruzione di “case del confronto”. Dal dramma di Beslan un’occasione per riflettere su una delle più martoriate regioni del nostro pianeta. [GUARDA]

LAST UPDATES-NEWS


27/05/16
YURY BANDAZHEVSKY: LE RICERCHE SULLA SECONDA GENERAZIONE DI CHERNOBYL


12/05/16
BIELORUSSIA: ULTIME SULLA CENTRALE NUCLEARE DI ASTRAVETS

06/05/16
CINA CON BIELORUSSIA PER CHERNOBYL

04/05/16
SVETLANA ALEKSEVIC: COSTRUIRE CENTRALE ATOMICA IN BELARS E' CRIMINE

04/05/16
UCRAINA E PROBLEMI CONSEGUENZE DI CHERNOBYL

03/05/16
RUSSIA: IL DISASTRO DI MAYAK NON CONOSCE FINE

CHERNOBYL PORTAL

PROGETTO KAVKAS
CONTATTI-NEWSLETTER

 
S.O.S.
TERREMOTO IN EMILIA